sabato 21 dicembre 2013

Snow Night Trail Pian del Frais Chiomonte (To) 21 Dicembre 2013

Foto SnowNightTrail 2013
Sito Snow Night Trail

Dal racconto dell'OrcoGabry 
Trascorse solo due settimane dal Vertical Kilometer a Sansicario, sabato 21 dicembre decido di partecipare ad un’altra gara notturna sulla neve, la I’ edizione dello Snow Night Trail a Pian del Frais-Chiomonte.       Sono previste due distanze, 8 km 300 mt D+ e 20 km 700 mt D+, entrambe con inizio alle ore 18.    La partenza è in salita, ma dopo il primo breve tratto  totalmente corribile,  svoltando sulla pista da sci, si presenta un muro molto impegnativo e la neve caduta il giorno precedente rallenta ulteriormente il passo dei runners.                                                                                                                               Ringrazio uno degli organizzatori per avermi consigliato di indossare i ramponcini che mi permettono così di superare parecchie persone che procedono faticosamente a 4 zampe per non scivolare verso valle.             A metà salita, dove la pendenza sembra concedere una tregua, un ragazzo sta ‘ravanando’ nei 30 cm di neve fresca: ha perso una scarpa! La buffa situazione mi riporta all’estate di 3 anni fa, durante la gara Usseglio-Malciaussia, quando a perdere la scarpa è stata la sottoscritta, naturalmente non nella neve, bensì in una grossa pozza di fango, simile a sabbie mobili.    
La discesa verso il paese è parecchio ripida e, considerando la paura a lasciarmi andare, affronto alcuni tratti scivolando sul sedere.                                                                                                                                   La corsa continua su un sentiero in sali-scendi, che attraversa il bosco e una piccola e caratteristica borgata. Il percorso si sta rivelando veramente carino, però che fatica stare in piedi cercando di correre senza sprofondare troppo nella neve!                                                                                                                     Quando sbuco sull’asfalto, mi illudo di trovarmi ad un passo dall’arrivo, invece poco più avanti  un uomo dello staff mi indica la deviazione che riporta nel bosco. Lo sconforto è grande, poiché il crampo alla coscia destra sta diventando preoccupante, ma finalmente intravedo l’arco gonfiabile e quando sto per tagliare il traguardo, l’organizzatore al microfono mi avverte che se sono iscritta ai 20 km devo proseguire verso destra. No, grazie, stasera no, troppo stanca, per fortuna sono iscritta al giro corto!

Nessun commento:

Posta un commento