lunedì 31 maggio 2010

TRAIL DEL MONTE SOGLIO 30 Maggio 2010


Classifica Trail del Monte Soglio 2010

Inutile raccontare questo Trail quando già esiste da anni una poesia che lo sintetizza tutto :

Su le dentate scintillanti vette
salta il camoscio, tuona la valanga
da' ghiacci immani rotolando per le
selve croscianti :
ma da i silenzi de l'effuso azzurro
esce nel sole l'aquila, e distende
in tarde ruote digradanti il nero
volo solenne.
Salve, Piemonte!

Giosue' Carducci


Provo comunque a raccontare questo Trail ancora per me a chilometri zero.
La decisione di essere presenti è stata presa in sintonia con gli altri Orchi nel mese di dicembre 2009, quando alla riunione annuale abbiamo deciso i Trail dell'anno che verrà.
Il Trail del Monte Soglio appariva come un punto di passaggio per arrivare preparati ai grandi viaggi estivi.
Il TMS, cosi ormai è abbreviato, e' in realtò un Trail che ben si presta a mio parere ad essere il Trail dell'anno.

Bene si integra nei Trail a cholometri zero che coprono tutto l'arco alpino della provincia di Torino, adatti a diventare il circuito dei Trail Olimpici.

- 3Rifugi ValPellice
- Trail dei due parchi
- Morenica Trail (Rivoli)
- Chaberton Marathon
- Trail di Ulzio
- Maratona Alpina di Val della Torre
- Trail del Monte Soglio
- Morenic Trail (Ivrea)
- Royal Ultra Sky Marathon
- Isangarda Trail


All'inizio un'idea un pò folle..... chissà forse solo un sogno nel cassetto....

Riprendo, dopo piccola digressione il racconto del TMS.

Gli Orchi sono iscritti in buon numero Pino'C, Mirko, Livio, Greg, Andrea, Mauro, Silvio, Steu, Giorgio... mancava solo Andrea ma in zona Cesarini riusciamo a iscriverlo grazie a Roberto che lo ha messo in lista d'attesa.
Arriviamo presto alla palestra delle scuole di Forno Canavese per poter usufruire delle brandine e materassi messi a disposizione dall'organizzazione.
A gestire la palestra, due addetti (mi scuso per non sapere i nomi) che con teutonico cipiglio dovranno affrontare circa 150 trailer.
Non penso avranno difficoltà almeno prima della partenza, tutti troppo presi a cercare energie interiori per poter affrontare i 60km e i 3400 D+ che domattina di buon'ora li attendono.

Ritiro pettorali, preparazione del zainetto per l'indomani...tutto si svolge per me come un rito solenne.

E' già ora di cena...siamo imbottiti di carboidrati, ma la cena va fatta egualmente.
Ci approprinquiamo al capannone che viene utilizzato dalla Comunità di Forno anche per altre manifestazioni e prima di cena ,Roberto presenta il percorso. Indica i tratti più complessi..domani però non sono previste precipitazioni e il percorso sara' in perfetto stato.

Per il dopo cena l'organizzazione ci propone il film su Marco Olmo 'Il Corridore' con la presentazione del protagonista. Seguiamo il film per una mezz'ora poi ci precipitiamo in palestra per cercare di riposare.

L'addetto alla palestra alle 11.00 spegne le luci...nessuno si lamenta..nessun manifestazione di intemperanza. Sembra di essere a naia ma qui è un'altra cosa. Quando passava il sottufficiale a spegnere le luci della camerata gli epiteti i versi e quant'altro si sprecavano...qui no..anche se sembra un'ambiente cameratesco il rispetto del silenzio e del riposo è sacro.

Ore 4.15 un trailer gia' vestito di tutto punto borracce piene comprese, si aggira come un fantasma tra i sacchi a pelo della palestra...credo non abbia chiuso occhio...che il dio Albios lo protegga.

Arrivano anche Andrea e Mirko che non avendo dormito a Forno hanno preferito la levataccia delle 3.30. Siamo alla partenza. Ore 6.00 leggere ed umidi nebbie avvolgono le montagne, cosi partono 350 atleti chi per il gir lung e chi per il gir curt.

Il primo obiettivo è il Mulin Val, logo del TMS. Steu ieri sera mi spiegava che il Mulino è stato fatto costruire da una famiglia in memoria del loro unico figlio morto per un incidente.
La costruzione è in muratura mentre il movimento è stato costruito in Olanda. Essendoci poco vento le pale sono mosse da corrente elettrica, ed il movimento, segno di vita, conforta i genitori.

Arriviamo al Mulino gia' fradici di sudore, un po' per la veloce corsa ma sopratutto per la forte umidita' mattutina. Seconda tappa la chiesetta della Madonna della Neve... si viaggia tra boshi di Faggi , castagni, noccioli...un percorso veloce molto adatto a chi ha una buona preparazione su strada.
I luoghi che attraversiamo si prestano a fiabe e racconti d'altri tempi:
Si racconta di quando

uomini con la coda 
e con una forza bestiale,
uomini forastici 
vagavano selvatici 
per i boschi e non 
bastavano dieci gendarmi
a fermarli.
Quando con la luna piena 


cercavano nei luoghi abitati
giovani fanciulle da rapire


Viaggio con Andrea e Mauro, riusciamo ad un bivio a perdere le tracce, era talmente evidente ma eravamo troppo presi dalla conversazione per riuscire a ritrovare il percorso, Andrea e Mauro puntano due direzioni diverse e assicuratoci che non c'e' nessun segno rosa torniamo indietro sui nostri passi e riprendiamo il sentiero per passare il cancello nr.2 di Pratialdo località presumo di origine Longobarda.

Perdiamo litri di liquidi nella corsa veloce del sentiero che ripristiniamo immediatamente integrando il tutto con pastiglie di sali, 1 ogni 2 ore circa...io da parte mia continuo a nutrirmi di datteri, fichi e frutta disidratata.
Siamo nell'oasi del Sacro Monte di Belmonte, il percorso attraversa sentieri naturalistici che si snodano lungo un percorso circolare, attraverso un bosco di querce e castagni secolari punteggiato da grosse rocce granitiche rossastre.
Si narra che il santuario fu fatto costruire da re Arduino per grazia ricevuta intorno all'anno mille.

Al cancello nr.3 al 32km di S.Colombano, un ristoro più ricco ci attende anche con panini al prosciutto, banane, grana,fette biscottate con nutella. Occorre fermarsi ci attendono ancora altrettanti chilometri ed il dislivello più importante.

Alla salita al Mont Suffiet, al cambio di ritmo, da corsa veloce a salita, le gambe non vanno il passo si fa lento e rallentiamo notevolmente....bhe vorrei vedere voi al 36km iniziare mentalmente una salita da 1500D+.

L'obiettivo e' ormai cima Mares...con Andrea ci arriviamo con una ricca dose di Gel corroborante e poi....con il diradarsi delle nubi la vista spazia sulla nostra destra su tutta la valle dell'Orco (o Locana) su parte della Val Soana e ci ripaga di ogni fatica, di ogni negatività:


Aldila' della valle

L'antica terra dei Salassi
Aldiqua' i luoghi della Legione Tebea
Splendide cime, immani vette
La vista dell'Orco e
Termina la Tribolazione.



Fino alla cima del Soglio ci accompagna il massiccio del GranParadiso, due terzi della RUSM sono davanti a noi, riconosciamo il vallone del Piantonetto, il colle dei Becchi ancora coperto di neve ......

In Punta al Soglio una webcam mobile ci attende, ma Enrico, da casa,  non ci ha visto passare... foto di rito un breve ristoro e ripartiamo per la breve discesa di 13km che ci attende.
Qui sulla cresta del Soglio si svolgevano antiche transumanze che portavano i margari dalla pianura del canavese alle valle di Lanzo passando dalla cima dell'Angiolino e dalla Vaccarezza, da li poi all'Alpe Cialma per proseguire per Coiro e Lanzo.
La discesa dal Soglio passando dall'alpe Soglia ci regala ancora un piccolo colle che affronto con un lieve fastidio alla pianta del piede.... pensavo fossero bolle in realtà trattasi di un'irritazione a qualche nervetto dovuto al cambio di scarpa.

All'ultimo cancello di Milani ci concediamo una birra dopodiche' come inseguiti da 20 venti Masche dopo 60km corriamo verso l'agognato arrivo sono le 17.40.

Docciato mi complimento con Greg che con le sue 8.40 ha fatto un tempone , mi prometto di pagargli un litro di birra.
Mi precipito al Bar del Capannone per usufruire del mio buono consumazione ma l'omone che lo gestisce mi appone un timbro sul dorso della mano ordinando ai due giovani baristi di darmi tutto cio' che chiedo AD LIBITUM.

lunedì 24 maggio 2010

TRAIL DEI DUE PARCHI 23 Maggio 2010


Dal racconto dell'OrcoPinoR
La prima segnalazione del Trail dei due parchi ci arriva dal calendario Uisp dei trail provinciali.
Inserito tra la Maratona Alpina di Val della Torre e il Trail del Monte Soglio ,questo nuovo trail alla sua prima edizione ci ha subito interessato perchè in un sol fiato permette di attraversare una larga fetta del territorio alpino della provincia di Torino.
Attraversa due magnifici parchi regionali, il parco Monte Tre Denti-Freidoir e il parco del Monte S.Giorgio.
Il Trail dei due Parchi non era inserito nel calendario annuale degli Orchi, volentieri pero' lo affronteremo per conoscere nuovi luoghi e come possibile trampolino di lancio per il Trail del Monte Soglio.
Per poter spaziare su un cosi ampio territorio, partenza ed arrivo non sono siti nel medesimo luogo ma bensi : partenza a Roletto e arrivo sotto il M.te S.Giorgio praticamente Piossasco(To).
Sveglia alle 5.30 e ritrovo in piazza Martiri a Rivoli(To) con gli altri Orchi, Umberto, Andrea, Giancarlo ed in ritardo di mezz'ora PinoCar.
Da qui ci spostiamo a Piossasco a casa di Marcello che ci accompagna al parcheggio vicino alla zona tiri del M.te S.Giorgio dove lasceremo la macchina per spostarci a Roletto.
Nel tragitto prima di lasciare Piossasco, raccogliamo anche il fratello di Marcello già vestito da gara..nessun zainetto, borraccia o armamentario da trail...e non ha tutti i torti la giornata si prospetta calda, afosa e finalmente estiva.
Roletto p.zza principale, si rimane sempre favorevolmente impressionati quando un tranquillo paesino di provincia viene reso vivo da trailers eccitati e pieni di adrenalina, la piazza già di per se ben tenuta, con tutto i colori degli atleti vive un giorno di gloria.
Indossato il grande pettorale di lana, fatte le foto di rito...il direttore della gara ci invita a 30 secondi di silenzio per ricordare l'incendio del 6 Febbraio 1999 sul Monte S.Giorgio che ha imperversato per più giorni e che ha visto morire il giovane David Bertrand che faceva parte del gruppo Antincendio Boschivo del parco.
Umberto partira' con qualche minuto di ritardo , ha deciso di fare la 10km che si fermerà al rifugio Mellano rinnovato dalla nuova struttura in legno chiamata Casa Canada perchè nelle Olimpiadi di Torino 2006 ha ospitato la delegazione Canadese.
La partenza e' tranquilla e si procede, almeno per noi, a velocita' adatta per una 37km, tanti saranno infatti, i chilometri registrati dal navigatore GPS.
Il percorso e segnato benissimo e mai si viene abbandonati dal bollo giallo con la scritta nera SDB sentiero David Bertrand, inoltre bandierine rosse sono poste circa ogni 10/20 metri, impossibile perdersi..


A rafforzare il controllo sul percorso, sono presenti le Guardie Ecologiche Volontarie, Gli Alpini, i guardia parco ..insomma mi riferiranno che sul percorso ci sono circa 200 volontari.
Sono certo che la prossima edizione il numero di iscritti raddoppiera', lo spiegamento di forze lo merita.
Il trail lo corriamo in compagnia ; con noi Livio, sua sorella, Andrea, PinoCar, Marcello...
Boschi di faggi si alternano a macchie di rovere e boschetti di roverelle, nel luoghi più asciutti ed in quota ecco i pini silvestri e mi hanno riferito di alcuni impianti di Pino nero.
Sui versanti a nord e più umidi una buona forestazione di larici....
La fauna con tutto il baccano che abbiamo fatto tra i volontari e gli atleti...latita e ne ha ben donde.
Ecco i Tre Denti e il Freidoir, giriamo intorno per arrivare al ristoro della Rocca Sbarua paradiso dell'arrampicata sportiva...c'e' anche il tifo, non male per essere la prima edizione.
Questa e' secondo me la parte più bella del percorso, grossi massi di granito cui fanno da contorno faggi e querce centenarie...si rimane senza parole.....

Antiche vie
Luoghi ameni
Nani e folletti
Genti di montagna
Nei sei mesi d'inverno
Nelle stalle a raccontare
Nei sei mesi d'inferno
Nei boschi a lavorare
E le carbonaie ad annerire



La nostra compagnia viene superata dal fratello di Marcello...ci aveva ben predetto che sapeva il fatto suo.
Siamo al cancello del 20 km al colletta di Cumiana, Messner ci segue come un'ombra lo vediamo sbucare da ogniddove, scatta le foto e fugge al prossimo incrocio con qualche strada provinciale o sterrata.
Dopo il cancello , scendendo da un pendio disboscato da poco, Marcello incappa in una brutta storta alla caviglia sinistra che di prim'acchito sembra grave...ma dopo pochi minuti riesce a recupera e ripartre anche senza bastoncini.
Affrontiamo la lunga discesa e incominciamo a vedere Il Monte S.Giorgio, ma il caldo si fa sentire e noi diamo fondo alla ultime riserve alimentari e all'ultimo ristoro preziosissimo prima dello sforzo finale.
Marcello si attarda con il cibo e noi proseguiamo fiduciosi che ormai la caviglia calda lo porterà al termine senza problemi.
Ultima discesa prima dell'arrivo, Marcello rinvigorito ci supera e con noi il fratello...penso che tra i due ci sia una rivalita' non dichiarata.
Superiamo anche noi il fratello di Marcello e a 500 metri dal traguardo rincontriamo Marcello dolorante, un'altra leggera storta alla stessa caviglia.
Gli cedo i bastoncini per gli ultimi metri, il gruppo procede insieme al traguardo...segue a pochi minuti, con mia sorpresa il fratello di Marcello...e dopo poco anche Marcello tenendo i denti stretti conclude questo bellissimo Trail.